Aree d'intervento / Prostituzione e tratta

Vie d'Uscita

A partire dal 1998, la Cooperativa ha sviluppato una serie di attività connesse al fenomeno della prostituzione coatta e della tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale o lavorativo. Le attività che gestisce o co-gestisce in partenariato sono molteplici. I suoi interventi si collocano come punto nodale all'interno di una rete di servizi e si articolano trasversalmente dal lavoro di strada, alla consulenza e orientamento attraverso uno sportello informativo, fino all'accoglienza residenziale e a progetti di reinserimento socio-lavorativo.
La scelta di intervenire strategicamente sul tema prostituzione e tratta è scaturita dall'intercettazione di un bisogno emergente, anche se un notevole impulso all'implementazione di interventi specifici è stato offerto dal contemporaneo iter procedurale del recente Testo Unico sull'immigrazione, i cui contenuti innovativi in merito all'accoglienza e alla regolarizzazione di persone immigrate (articolo 18, in primis) hanno costituito l'elemento indispensabile all'azione.

Progressivamente si è giunti all'attivazione di una rete organica di azioni strettamente interconnesse e propedeutiche. Questo sistema integrato di servizi consente che i risultati ottenuti ad un certo stadio della rete trovino ulteriori risposte e opportunità in quello successivo, cosicché la catena di interventi attuati, conseguenti l'uno all'altro, contribuiscano a formare un percorso protetto di sganciamento progressivo delle persone dal circuito della prostituzione.

In particolare, le attività che gestisce o co-gestisce sono:

  • Le attività di contatto in strada, realizzate nell'ambito del progetto "Stardust", finanziato dal Comune di Roma, prevedono interventi di prevenzione, di riduzione del danno e di indirizzo ai servizi in favore di persone che si prostituiscono in diversi Municipi di Roma dell'area nord-orientale;
  • Lo Sportello Unico cittadino, è la sede preposta ai contatti successivi a quelli stabiliti in strada e permette di fornire consulenza medica, legale, psicologica e di orientamento verso gli altri servizi. In tale contesto è prevista la possibilità di accompagnare le persone vittime di tratta nel percorso di inclusione socio-lavorativa garantito dall'applicazione dell'art. 18;
  • La postazione locale del Numero Verde Nazionale contro la Tratta, finanziata dal Dipartimento per le Pari Opportunità e cofinanziato dal Comune di Roma, che garantisce ascolto telefonico h 24 per soggetti vittime di tratta e/o sottoposti alla prostituzione coatta, cittadini e clienti, e orientamento ed invio ai servizi locali;
  • L'accoglienza residenziale protetta (case di fuga e di semi-autonomia), rivolta a donne che chiedono di fuoriuscire da percorsi prostitutivi coatti;
  • Il Progetto ProHins, che offre alle donne trafficate già inserite nel percorso di fuoriuscita, la possibilità di usufruire di attività di sostegno, orientamento, preformazione, formazione ed apprendistato lavorativo finalizzate alla possibilità di acquisire competenze lavorative spendibili sul mercato del lavoro, il cui accesso viene accompagnato attraverso un progetto di inserimento individualizzato.
  • Nel 2011 hanno avuto avvio con il finanziamento del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il cofinanziamento della Provincia di Roma, i progetti "Fuori giogo" e "Si tratta di me" - all'interno dei quali la cooperativa si occupa di gestire gli interventi specifici di intercettazione, emersione e presa incarico complessiva delle vittime di tratta a scopo di sfruttamento lavorativo.

La cooperativa è iscritta al registro nazionale delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore di stranieri immigrati, alla sezione II (ex III).

Alcune attività realizzate nell'area Prostituzione e Tratta sono state implementate con il contributo dei Fondi "Otto per Mille" della Tavola Valdese. In particolare, ha usufruito di tale sostegno il progetto "ProHins" - Inserimento socio-lavorativo di persone vittime della tratta a scopo di sfruttamento sessuale.

Anche l'Ufficio dell'Alto Commissariato per i Diritti Umani dell'ONU, attraverso il Fondo per le Forme Contemporanee di Schiavitù, ha finanziato il progetto "Right Job" per l'integrazione ed il sostegno agli interventi di accoglienza residenziale di uomini vittime di tratta a scopo di sfruttamento lavorativo inseriti in programmi di protezione sociale.


Vai ai progetti dell'Area Prostituzione e Tratta >>>

LE NOSTRE AREE D'INTERVENTO

  • Dipendenze
  • Prostituzione e tratta
  • Prevenzione e giovani
  • Formazione
  • Mediazione sociale e sicurezza urbana

Succede

È avviato il Bando per la selezione di 8 giovani volontari del Servizio civile nazionale con scadenza alle ore 14.00 del 30 Giugno...

Leggi tutto >>>

Theores

Il nome nasce dall'unione di due termini, uno in greco e l'altro in latino, teoria e cosa. La scelta simboleggia la volontà di op...

Leggi tutto >>>

L'angolo Giro

Non è facile trovare le parole per descrivere l'idea che ha ispirato L'Angologiro. Non è facile perchè, come per mol...

Leggi tutto >>>

Sostienici

NEWSLETTER

Seguici su Facebook

Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008

Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008 Certificazione n.318827 QM08