SUCCEDE

Incontri ed eventi
dal Sociale

<<< Torna all'elenco degli eventi

02 agosto 2021 - ore 09:36

BILANCIO SOCIALE 2020

BILANCIO SOCIALE 2020

 

Questo è il primo bilancio sociale della Cooperativa Parsec. Per noi, l’impegno nel sociale, in estrema sintesi, è dare cittadinanza e rispondere ai bisogni individuali e sociali, siano essi nuovi, emergenti, o rimossi e non considerati. Lavoriamo cioè per facilitare e consentire la realizzazione dei desideri di ciascuno e di tutti.

E` un impegno che deriva dal dettato costituzionale, e in particolare dal secondo comma dell’articolo 3, che recita: “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana...”. Con il nostro lavoro, ci piace pensare che aiutiamo la Repubblica a rimuovere gli ostacoli che impediscono la realizzazione di quello che noi chiamiamo la felicità sociale possibile, il pieno sviluppo dei territori e delle persone che li abitano. Consapevoli ed orgogliosi del riconoscimento che i padri costituenti, con l’articolo 45 della Carta, hanno voluto assegnare alla cooperazione.

Il rendiconto del nostro lavoro nel 2020, inevitabilmente, si configura anche come una narrazione di un anno straordinario, nel quale si è dispiegata una crisi epocale, un fatto globale e totale, che ha profondamente segnato un’umanità già provata da conflitti, migrazioni, crisi del modello di sviluppo, cambiamenti climatici e emergenze ambientali. Mai come nel 2020, abbiamo avuto la coscienza di muoverci in quella che Ulrich Beck chiama la società del rischio, una società in piena metamorfosi, nel quale, come sottolinea Beck, piuttosto che restare sugli effetti collaterali negativi dei beni, vale la pena osservare e considerare gli effetti collaterali positivi dei mali. La cooperazione sociale esce dalla pandemia con una nuova consapevolezza di sé e della sua indispensabilità nell’attutire e lenire i colpi che il Covid-19 ha inferto in larghi strati di popolazione, già esausti a causa del dilagare delle diseguaglianze e della povertà. La rinnovata consapevolezza del ruolo irrinunciabile che riveste il lavoro sociale in una moderna e complessa società, l’evidente efficacia della cooperazione sociale nel tutelare e promuovere l’eguaglianza e i diritti di tutti, sono per noi esempi di effetti collaterali positivi del male generato dalla pandemia da Covid-19. La crisi ci ha costretto ad una riflessività nuova, ha impegnato le nostre équipe a riguardare e riconsiderare i propri campi di pratiche, per dirla con Bourdieu, osservando i limiti e la routine che in alcuni casi si presentavano, interrogandoci, ancora una volta se, come organizzazione della Repubblica, siamo assolvendo al compito di rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana.

Durante la fase di lockdown, nella paralisi generale della società, il terzo settore ha saputo rigenerarsi ed essere contemporaneo, rivisitare la propria mission e riorganizzare le attività per riuscire a cogliere i nuovi bisogni, agendo così la funzione pubblica ed il perseguimento dell’interesse generale riconosciuto della sentenza della Corte Costituzionale n.131 del 2020.  La nostra presenza su territori, con la gestione di molti interventi a bassa soglia ed unità di strada, ci ha permesso di osservare da vicino le trasformazioni e di rimanere a contatto con le persone, modificando ripetutamente gli interventi, ampliando i target ed i servizi offerti.

 

 

Sulla scorta dell’obbligo di legge introdotto dall’art. 9, comma 2, del D. Lgs. 112/2017 recante “Revisione della disciplina in materia di impresa sociale, a norma dell’art. 2, comma 2, lettera c) della legge  del 6 giugno 2016 n. 106”, e reso operativo a partire dal bilancio relativo all’esercizio sociale 2020 sulla base delle Linee Guida adottate ed approvate dal Ministero del Lavoro con Decreto del 4 luglio 2019, il Bilancio Sociale, rappresenta uno dei documenti che consente la certificazione di un profilo etico rivolto principalmente agli “stakeholders”, cioè a coloro che hanno un interesse nell’attività di impresa, che andrà  ad integrarsi con il bilancio di esercizio economico e finanziario. Uno strumento che speriamo possa diventare un ulteriore spazio di riflessione e lettura sia interna che esterna alla nostra cooperativa. Questa analisi sociale sarà l’occasione per presentarci all’esterno con una carta di identità che racconti di noi, degli attori coi quali collaboriamo, e dell’impatto sociale che le nostre attività hanno sui territori e sulle persone di cui ci prediamo cura.


<<< Torna all'elenco degli eventi

LE NOSTRE AREE D'INTERVENTO

  • Dipendenze
  • Prostituzione e tratta
  • Prevenzione e giovani
  • Formazione
  • Mediazione sociale e sicurezza urbana

Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008

Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008 Certificazione n.318827 QM08