IL METODO

Ragione
e sentimento

NON DEPLORARE,
NON RIDERE,
NON DETESTARE,
MA COMPRENDERE.

(BARUCH SPINOZA)

Il sociale si manifesta nei suoi luoghi, nelle sue realtà e ci rivela le proprie singolarità al di sopra di giudizi e pregiudizi, di rappresentazioni a priori. È infatti dalla lettura delle complessità che esprimono i contesti che scaturisce il paradigma principale che caratterizza i nostri interventi e dal quale risultano saperi capaci di dare sfondo e identità ai progetti e alle azioni che mettiamo in campo.

Fenomeni e territori sono quindi all'origine di un approccio che indaga e si interroga, prima di poter definire una cornice che circoscriva problematiche e prassi di intervento. Non esistono indicazioni prestabilite capaci di affrontare le diverse tematiche sociali e pertanto una visione aperta e complessa ci permette di costruire ogni volta interventi specifici, che tentano di tenere il passo con l'evoluzione permanente che il sociale ci restituisce, mantenendo comunque fermi alcuni elementi di principio e continuità: le competenze, l'attenzione alla relazione, sia che essa agisca col contesto e il territorio che con un gruppo o il singolo individuo, una visione ecologica del concetto evolutivo di empowerment.

Il metodo di riferimento si ispira al modello della Ricerca Azione con l'obiettivo di analizzare e interpretare contesti, organizzazioni, relazioni e fenomeni attraverso prassi innovative.

RICERCA AZIONE

La Ricerca Azione (RA), nella nostra declinazione, prende le mosse dal convincimento che non È possibile distinguere con nettezza il momento dell'osservazione, dello studio e della spiegazione, dall'intervento sul campo. Nella nostra visione, la RA È costruzione condivisa di conoscenza, e non È finalizzata esclusivamente all'aumento delle conoscenze, ma assume il profilo di una azione riflessiva collettiva e cooperativa, tesa alla trasformazione dei contesti organizzativi e alla rimozione delle cause che generano esclusione, marginalità e disagio, tanto individuale che collettivo.


INNOVAZIONE

Riteniamo fondamentale, a fronte degli imponenti mutamenti sociali ed antropologici che caratterizzano la tarda modernità, sottoporre ad una continua opera di critica e monitoraggio gli approcci, le metodologie e le tecniche alle quali ci riferiamo nel nostro lavoro. Questo significa mutare e migliorare costantemente l'azione sociale, individuando precocemente nuovi campi che richiedono l'intervento di politiche pubbliche e registrando le trasformazioni che intervengono nei fenomeni di disagio ed emarginazione già presenti.


TERRITORIO E SUSSIDIARIETÀ

Il contesto territoriale È il laboratorio principale della nostra azione sociale, perchè riteniamo fondamentale partecipare, come soggetto collettivo, alla costruzione, alla manutenzione e alla difesa del welfare locale, collaborando secondo il principio di sussidiarietà, con le istituzioni e i servizi pubblici del territorio. Intendiamo così continuare a cooperare per lo sviluppo culturale e democratico della città, attraverso l'offerta di momenti di conoscenza, la mediazione dei conflitti e rendendo visibile il disagio e le persone che lo vivono e le possibili soluzioni.

LE NOSTRE AREE D'INTERVENTO

  • Dipendenze
  • Prostituzione e tratta
  • Prevenzione e giovani
  • Formazione
  • Mediazione sociale e sicurezza urbana

Succede

È avviato il Bando per la selezione di 8 giovani volontari del Servizio civile nazionale con scadenza alle ore 14.00 del 30 Giugno...

Leggi tutto >>>

Theores

Il nome nasce dall'unione di due termini, uno in greco e l'altro in latino, teoria e cosa. La scelta simboleggia la volontà di op...

Leggi tutto >>>

L'angolo Giro

Non è facile trovare le parole per descrivere l'idea che ha ispirato L'Angologiro. Non è facile perchè, come per mol...

Leggi tutto >>>

Sostienici

NEWSLETTER

Seguici su Facebook

Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008

Sistema di Gestione della Qualità UNI EN ISO 9001:2008 Certificazione n.318827 QM08